La Responsabilità da contatto sociale

Una consolidata corrente dottrinaria evidenzia la rilevanza del “contatto sociale”, dunque del semplice contatto tra due soggetti dell’ordinamento, collocando lo stesso tra quegli atti o fatti idonei a produrre obbligazioni “in conformità dell’ordinamento giuridico”, altri rispetto ai contratti o fatti illeciti.

Esso è modellato sullo schema della tipologia contrattuale più affine alla situazione da cui trae origine il rapporto, a volte per espressa disposizione legislativa – si pensi all’art. 2126 c.c. che disciplina il contratti lavoro nullo che abbia comunque avuto esecuzione – a volte per elaborazione giurisprudenziale.

Ne costituiscono un chiaro esempio il dovere di correttezza nelle trattative, ancor prima dunque dell’assunzione di alcun vincolo contrattuale o gli obblighi del mediatore nascenti dalla semplice messa in contatto delle parti, o ancorai contratti a prelievo diretto (macchine distributrici, acquisti nei supermercati) o i contratti standardizzati (gestori servizi) in cui difetta l’accordo ex art. 1321, o la società di fatto.

Trattasi di rapporti contrattuali di fatto, che si modellano secondo schemi contrattuali veri e propri derivanti tuttavia da fatti socialmente rilevanti, da “contatti sociali qualificati”, caratterizzati dalla presenza di soggetti in posizione di controllo o garanzia di interessi emersi o esposti a pericolo in occasione del contatto stesso il cui inadempimento è riconducibile alla responsabilità contrattuale tipica delle professioni c.d. protette, per le quali è richiesta una speciale abilitazione, particolarmente allorché abbia ad oggetti beni costituzionalmente garantiti come il bene della salute tutelato ex art. 32 Cost. Da questa tipologia di rapporti emergono dunque “obbligazioni senza prestazione”,  nel senso che l’obbligo sarà valutato giudizialmente attraverso un esame degli interessi coinvolti nella relazione di fatto.

Una recente dottrina ha escluso la possibilità di ravvisare alcuna forma contrattuale laddove manchi l’accordo inteso come risultato delle trattative.

Un altro filone dottrinario diversamente sottolinea l’esistenza dell’accordo laddove esista condivisione di regolamento di interessi, come nei contratti di massa o a prelievo diretto.

E’nel 1999 che la giurisprudenza utilizza per la prima volta la categoria del contatto sociale, qualificando come rientrante in essa il rapporto tra paziente e medico dipendente di una struttura sanitaria (v. Cass. Civ., sez. III, 22 gennaio 1999, n. 589). Non vi era dubbio che rispetto a quest’ultima il rapporto potesse definirsi contrattuale, mentre, rispetto al medico, non era sorto alcun rapporto basato su proposta e accettazione, potendosi tuttavia qualificare, questa fu la conclusione della Suprema Corte, anch’esso come contrattuale.

Come specificato dalla stessa Corte anche in sentenze successive, il paziente, il quale agisca in giudizio deducendo l’inesatto adempimento dell’obbligazione sanitaria, deve provare il “contatto sociale”e allegare l’inadempimento del professionista nonché il relativo nesso di causalità,  restando a carico dell’obbligato  – sanitario o struttura – la prova che la prestazione professionale è stata eseguita diligentemente e che eventuali esiti peggiorativi siano stati determinati da un evento imprevisto o imprevedibile

Si giunge alla medesima conclusione, circa cioè la nascita di conseguenze giuridiche tipicamente contrattuali, conla Sentenzadelle Sezioni Unite della Cassazione del 27 giugno 2002, n.9346, aproposito della responsabilità dell’insegnante nel caso di  danno arrecato a se stesso dall’allievo, con conseguente applicazione del regime probatorio ex art. 1218 c.c.

Con la decisione n. 14712 del 2007 ancora la corte di Cassazione affronta nei medesimi termini la responsabilità della banca negoziatrice nei confronti di tutti i giranti, laddove abbia permesso l’incasso di un assegno bancario a persona diversa del beneficiario del titolo.

 Dott.ssa Francesca Saveria Chindamo

La Responsabilità da contatto socialeultima modifica: 2012-11-19T18:35:00+01:00da studiolegalecdm
Reposta per primo quest’articolo