Giurisprudenza recente sulla responsabilità medica

La responsabilità del medico è limitata alle ipotesi di dolo o colpa grave ex art. 2236, comma 2, c.c. allorché si presentino casi implicanti risoluzione di problemi tecnici di particolare difficoltà che trascendono la preparazione media o non ancora esaustivamente studiati dalla scienza medica . Viceversa, a fronte di casi di facile soluzione la responsabilità in parola sussiste anche per colpa lieve, essendo richiesta la diligenza prevista dall’art. 1176, comma 2, c.c. che implica il rispetto degli accorgimenti e delle regole tecniche connesse all’esercizio della professione e ricomprendente pertanto anche la perizia.

App. Roma Sez. III, 05/07/2011
App. Napoli Sez. III, 30/06/2011

In materia di responsabilità medica, la risarcibilità del danno da lesione della salute che si verifichi per le non imprevedibili conseguenze dell’intervento chirurgico eseguito correttamente, nel rispetto delle regole dell’arte, tuttavia effettuato senza la preventiva informazione del paziente in ordine ai suoi possibili effetti pregiudizievoli e, dunque, effettuato in assenza di un consenso consapevolmente prestato, richiede necessariamente di accertare che il medesimo paziente, se fosse stato adeguatamente informato, avrebbe rifiutato di sottoporsi a tale intervento.
App. Napoli Sez. III, 30/06/2011

Giurisprudenza recente sulla responsabilità medicaultima modifica: 2012-12-20T09:47:05+01:00da studiolegalecdm
Reposta per primo quest’articolo